Circ n°254 - Ricevimento dell’utenza agli sportelli amministrativi a partire dal 10 marzo e fino al 3 aprile

Le modalità di ricevimento dell'utenza agli uffici amministrativi della sede Ipsia di via Matteotti 299 verranno ulteriormente modificate per rispondere alle raccomandazioni fornite dal MIUR e dalle Autorità competenti per prevenire il rischio di contagio da Coronavirus, soprattutto alla luce del DPCM 8 marzo 2020. Gli orari di ricevimento dell'utenza sono confermati (sono disponibili sul sito web dell'IIS Beretta), ma con alcune rafforzate prescrizioni prudenziali:

1) l'utente non può entrare all'interno degli uffici e quindi dovrà necessariamente essere ricevuto al front office della segreteria didattica, rimanendo dietro il vetro di separazione; sarà cura dell'assistente amministrativo accogliente coinvolgere gli altri uffici per evadere la richiesta
2) se un utente viene ricevuto al front office di cui sopra, eventuali altri utenti in attesa dovranno rimanere in attesa nell’atrio (mantenendo tra loro il distanziamento di almeno un metro), salendo per recarsi allo sportello solo quando il precedente utente è uscito
3) gli utenti possono recarsi allo sportello solo per esigenze urgenti e non affrontabili a distanza, privilegiando sempre la modalità di contatto telematico
4) per affrontare richieste specifiche e per meglio distribuire le presenze dell'utenza, DSGA e Dirigente scolastico (o eventualmente altri assistenti amministrativi) sono disponibili a ricevere su appuntamento all'interno della fascia oraria di ricevimento con richiesta da inviare a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
5) l'utenza può sempre inviare le proprie istanze o richieste di chiarimento di qualsiasi tipo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., ricevendo risposta nel più breve tempo possibile

pdf icon Circolare n°254

Circ n°253 - Pianificazione settimanale istruzione a distanza

Il Dpcm 8 marzo 2020 ha sospeso ogni attività didattica in presenza nelle scuole della Lombardia (non si parla più solo genericamente di lezioni).
Tali misure nella zona rossa (di cui l’intera Lombardia è ormai parte) valgono fino al 3 aprile, ma in realtà il ritorno alla normalità è purtroppo lontano.
Molte sono le conseguenze ed andranno affrontate e gestite con attenzione, nella consapevolezza che ognuno di noi deve avere che la situazione è seria e che la scuola è chiamata a dare il suo contributo in termini di dinamismo culturale, di formazione, ma anche e soprattutto di inclusione e sostenibilità sociale.
In questo momento non sono al centro lo sviluppo della programmazione e l’attribuzione dei voti, ma il mantenimento di una dimensione quotidiana di presenza educativa e didattica che aiuta i giovani a crescere e non li abbandona in questa congiuntura.
L’istruzione a distanza è ormai una realtà che in questi giorni è cresciuta tumultuosamente, mostrando il valore didattico della nostra comunità professionale. L’IIS Beretta non ha adottato un modello unico di organizzazione didattica e di infrastruttura digitale, preferendo la valorizzazione delle multiformi esperienze e strumentazioni in uso. Lasciare libertà ai docenti e ai dipartimenti ha permesso una risposta molto forte, ha esaltato il valore della libertà di insegnamento e ha generato nuove metodologie, promuovendo l’uso diffuso delle strumentazioni digitali (anche innovative). Tutto questo rappresenta motivo di orgoglio per la nostra comunità professionale.

Oggi, però, è certo che la dimensione dell’istruzione a distanza non è temporanea, ma stabile e consolidata in questa congiuntura grave e preoccupante. Non si sta parlando di sostituire la scuola in quanto comunità educante fatta di relazioni umane, ma di usare in modo intelligente e inclusivo gli strumenti digitali per garantire il diritto allo studio ed affermare la centralità sociale della scuola.

L’istruzione a distanza richiede ormai una organizzazione rigorosa. È saltato il ritmo fisiologico settimanale della scuola, fatto di lezioni, di verifiche e di studio. Non è colpa di nessuno, ma dobbiamo ricrearlo, sia pure a distanza, perché ridarà certezze a tutti.

A tal fine ogni docente compilerà l’agenda settimanale sul registro elettronico Scuola Viva, indicando modi e tempi di monitoraggio degli apprendimenti, gli orari delle lezioni on line in forma sincrona e le altre forme di condivisione materiali didattici/interazione a distanza in forma asincrona.
Le lezioni on line in forma sincrona si svolgeranno solo in orario antimeridiano e non potranno eccedere, di norma, le tre/quattro ore giornaliere. Nessuna disciplina potrà svolgere lezioni on line per una durata superiore al suo monte ore settimanale e, di norma, dovrà essere rispettato il vigente orario settimanale delle lezioni.
Questo al fine di consentire allo studente di gestire al meglio la propria attività, combinando nel miglior modo possibile le attività in presenza, lo studio individuale domestico e l’interazione a distanza con il docente. Bisogna sottolineare che gli studenti devono imparare a gestirsi e a organizzare la propria vita di studio e formazione, con senso di responsabilità. Ovviamente i docenti guideranno e faciliteranno tale processo di crescita.

La pianificazione della settimana entrante sarà visualizzabile per studenti e genitori entro le ore 16 di ogni sabato.
In questo modo studenti e genitori potranno visionare con chiarezza il quadro generale degli impegni settimanali di lavoro e studio. Questo garantirà sostenibilità e contribuirà a migliorare il quadro psicologico particolarissimo che stiamo affrontando.

Ringraziando tutti i docenti per la qualità del lavoro fatto e per la passione con cui viene svolto, gli studenti per il loro impegno e i genitori per la collaborazione, chiedo a tutti di rispettare con rigore le disposizioni che verranno date perché è assolutamente fondamentale coordinarsi in questa fase così complessa.

Per ogni richiesta di chiarimento potete scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mi scuso per il bombardamento di notizie e disposizioni che riverso su tutti in questi giorni, ma è purtroppo non solo necessario, ma anche doveroso in questo difficile frangente.

pdf icon Circolare n°253

Circ n°252 - Lettera aperta a studenti e studentesse

Cari studenti e care studentesse,
mi rivolgo direttamente a voi perché voglio che capiate il momento che stiamo vivendo tutti e non tanto sul piano didattico. Ne parleremo in questi giorni, ma è prioritario oggi sensibilizzarvi sui vostri doveri di cittadini e cittadine alle prese con un problema invisibile, ma insinuante e insidioso: il coronavirus. Non stiamo parlando di una malattia grave o incurabile, ma di un virus che il nostro organismo non è preparato ad affrontare, non avendo i necessari anticorpi. Servirebbe un vaccino, ma in questo momento non c’è e non lo avremo ancora per molto tempo. Il problema è dato dal fatto che la diffusione del virus è talmente veloce da inflazionare gli ospedali, che sono in difficoltà, nonostante l’encomiabile prodigarsi del personale sanitario, spesso vittima del contagio proprio perché in prima linea. In questo momento la priorità è bloccare o almeno rallentare la diffusione del contagio per consentire agli ospedali di offrire a tutti le cure necessarie. Rischiamo di perdere vite umane per l’assenza di posti letto, di strumentazioni mediche, di reparti di terapia intensiva. Non ce lo possiamo permettere perché per il nostro paese la tutela dei diritti della persona, in primis il diritto alla salute, è assolutamente prioritaria. Le misure che il governo sta adottando, tra cui la sospensione delle lezioni, sono dure, ma vanno rispettate e osservate con grande attenzione e rigore perché questo consente di tutelare la nostra salute, ma anche quella degli altri, in particolare delle persone a noi più vicine. Tutti siamo impegnati in questa battaglia perché ognuno nel suo piccolo può fare qualcosa di importante. Vincere il virus, bloccare il contagio significa anche salvare la nostra società, il nostro stile di vita libero e democratico, la nostra economia e quindi costruire insieme il nostro futuro. La posta in palio è, quindi, importantissima.
Purtroppo, però, si notano comportamenti, soprattutto tra i più giovani, che vanno in direzione contraria. Feste, aperitivi, momenti aggregativi di varia natura si susseguono, generando occasioni di contagio e quindi di pericolo. Dobbiamo fermarci, dovete fermarvi e rispettare con rigore le indicazioni del Governo, della Protezione civile e delle Autorità sanitarie. Non siamo immortali, non siete immortali perché il virus contagia anche i giovani, colpisce in maniera indiscriminata. Non basta studiare, non basta fare bene l’istruzione a distanza se poi si mettono in atto comportamenti privati gravemente a rischio di diffondere il contagio. Che senso ha fare il grande sacrificio di sospendere le lezioni se poi si è così incoerenti?
E’ il momento della responsabilità e del coraggio, sono certo che capirete le mie parole e che questa comunità di studenti e studentesse saprà incarnare e diffondere stili di vita e di relazione capaci di prevenire il contagio. Parlatene, discutetene e convincete tutti quelli con cui parlate, con cui vivete. È il nostro dovere di cittadini e cittadine perché voi lo siete a pieno titolo.

Grazie per l’attenzione alle mie parole, rimaniamo uniti e tra non molto tempo potremo ritornare alla nostra vita, nella nostra scuola, più forti di prima.

pdf icon Circolare n°252

Circ n°250 - Gestione emergenza Covid-19 Coronavirus – sospensione delle lezioni e di ogni altra attività didattica in presenza

Visto il Decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri dell’8 marzo 2020, coordinato con le precedenti disposizioni dell’analogo Decreto del 4 marzo 2020

SI DISPONE

con effetto immediato la sospensione delle lezioni e di ogni altra attività didattica in presenza fino al 3 aprile 2020 compreso. Per il personale scolastico valgono le disposizioni del CCNL in caso di sospensione delle lezioni. Si allega il DPCM 8 marzo 2020.

pdf icon DPCM 8 marzo 2020

pdf icon Circolare n°250

Visto il Decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri dell’8 marzo 2020, coordinato con le precedenti disposizioni dell’analogo Decreto del 4 marzo 2020

 

 

SI DISPONE

 

con effetto immediato la sospensione delle lezioni e di ogni altra attività didattica in presenza fino al 3 aprile 2020 compreso.

 

Per il personale scolastico valgono le disposizioni del CCNL in caso di sospensione delle lezioni.

Si allega il DPCM 8 marzo 2020.

Circ n°249 - Istruzione a distanza

Nella seduta del 6 marzo il Consiglio d’Istituto le linee di azione generali per affrontare la nuova situazione determinata dalla emergenza nazionale coronavirus, ben sapendo che il quadro è in continua evoluzione e che ci potranno essere sicuramente modifiche e svolte.

In generale c’è soddisfazione per come tutte le componenti scolastiche stanno affrontando la situazione e stanno gestendo l’istruzione e l’apprendimento a distanza. È chiaro che si tratta di una situazione completamente nuova e mai sperimentata, per cui servono adattamenti continui e cambiamenti nel modo di agire, sia per i docenti che per gli studenti.
Tutto questo non deve generare ansia o preoccupazioni ingiustificate nei genitori e negli studenti, anzi si deve usare per crescere e per sviluppare competenze di fondamentale importanza quali le competenze digitali, imparare ad imparare, sapersi organizzare e gestire, saper agire in autonomia, sviluppare creatività e spirito di iniziativa.
L’ottica con cui i docenti operano va nella direzione sopra citata, non in quella dello sviluppo ad ogni costo della programmazione o dell’assegnazione di una valutazione di carattere selettivo. Insegnare è qualcosa di più e consiste soprattutto nella guida e nella facilitazione del processo di crescita degli apprendimenti, nel seguire gli studenti con attenzione in una fase delicata della loro vita e particolarmente in questo momento di forzato allontanamento dalle aule scolastiche. Ciò che conta per noi è che la comunità scolastica rimanga inclusiva, sia viva ed attiva, mostri dinamismo ed energia, sia unita ed indichi alla società una via di speranza e di grande fiducia. Nessuno vorrebbe affrontare nella vita prove difficili, ma sono questi passaggi delicati che danno vera forza e slancio alle persone e alla società.
Si chiede ai docenti il massimo sforzo, nel rispetto dei loro diritti di lavoratori, ma anche studenti e genitori devono dare il massimo. Tutti devono lavorare a distanza con impegno e serietà, con disponibilità a migliorarsi nel tempo, perché questi atteggiamenti e comportamenti saranno i veri criteri di valutazione.
Questa condizione durerà certamente fino al 15 marzo, ma non si può escludere che si prolunghi ancora per molto tempo. Ecco perché tutti gli studenti devono impegnarsi e partecipare, ecco perché le famiglie devono stimolarli e sostenerli. La scuola farà il massimo per loro ed insieme a loro.

pdf icon Circolare n°249

Circ n°247 - Nuove modalità di svolgimento colloqui settimanali tra docenti e genitori

In considerazione della necessità di adottare misure di prevenzione per contrastare la diffusione del coronavirus, in conformità a quanto previsto dal DPCM del 1 marzo 2020 ed alla Direttiva n°1 della Funzione Pubblica, ed acquisito l’indirizzo del Consiglio d’Istituto nella seduta del 6 marzo, le modalità di svolgimento dei colloqui settimanali tra docenti e genitori saranno così modificate fino al 3 aprile 2020.
I genitori continueranno a prenotare il colloquio con il docente sul registro elettronico con le modalità attualmente in uso.
I docenti invieranno ai genitori (fino a 10 per ogni ora calendarizzata di colloquio) un report sulla situazione di apprendimento e comportamento del figlio/a utilizzando l’area riservata del registro elettronico Scuola Viva sezione annotazioni, operando nell’ora e nel giorno stabilito nel quadro vigente dei colloqui settimanali.

pdf icon Circolare n°247

Circ n°246 - Nuove modalità di svolgimento dei consigli di classe di marzo 2020

In considerazione di quanto prescritto ed indicato dal DPCM 4 marzo 2020 e per assicurare la massima azione di prevenzione della diffusione del virus Covid-19, i consigli di classe calendarizzati con la circolare n°186 del 30 gennaio 2020 si terranno non in presenza, ma a distanza con l’utilizzo della piattaforma telematica Zoom. 
Il calendario è confermato, così come gli orari che dovranno essere rispettati con rigorosa puntualità per garantire la massima funzionalità e regolarità di svolgimento.
La gestione della sessione sulla piattaforma telematica Zoom è affidata al coordinatore di classe.
Il coordinatore di classe e tutti gli altri docenti riceveranno istruzioni e account per creare e gestire la sessione.
Allo stesso modo riceveranno gli account anche i rappresentanti degli studenti e dei genitori, che si inseriranno nella sessione solo ed esclusivamente all’ora prevista per la seduta in forma aperta.
I docenti procederanno fin da subito alla compilazione sul registro elettronico Scuola Viva del format per la valutazione intermedia orientativa.

Docenti, genitori e studenti impossibilitati a gestire la partecipazione alla sessione a distanza per carenza di strumentazioni digitali e connettività domestiche potranno usufruire di una postazione che verrà a disposizione dalla scuola nella sede Ipsia previa espressa richiesta alla mail istituzionale Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

pdf icon Circolare n°246

Circ n°245 - DPCM 4 marzo 2020 e raccomandazioni dirette alla prevenzione e al contrasto della diffusione del Covid 19 - Coronavirus

Si pubblica in allegato il DPCM 4 marzo 2020 per garantire la massima diffusione delle prescrizioni e indicazioni ivi contenute. In particolare, si ricordano le raccomandazioni di cui all’allegato 1 del suddetto DPCM:

1. Lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani
2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.
3. Evitare abbracci e strette di mano
4. Mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro
5. Igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie)
6. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani
7. Coprire bocca e naso se si starnutisce o se si tossisce.
8. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico.
9. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool.
10. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o se si assistono persone malate.

Se si dovessero presentare sintomi, anche lievi, che possano essere indicativi di eventuale infezione, quali febbre, tosse, difficoltà respiratoria, stanchezza, dolori muscolari, di evitare di accedere direttamente alle strutture di Pronto Soccorso del SSN rivolgendosi, invece, telefonicamente al proprio medico curante o al numero nazionale di emergenza 112 o al numero verde 1500 del Ministero della Salute.

pdf icon DPCM

pdf icon Circolare n°245

Circ n°244 - Svolgimento uscite didattiche e viaggi di istruzione

Per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 04/03/2020 recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza-epidemiologica da COVID-19” e di quanto disposto dall’articolo 1 comma 1 lettera e) e dall’articolo 4 comma 1

i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado sono sospese fino al 3 aprile 2020

le uscite didattiche, le attività didattiche in esterno di qualsiasi tipo (tra cui le attività di P.C.T.O) e i viaggi di istruzione potranno essere effettuate regolarmente, in base alla programmazione esistente, a partire dal 4 aprile 2020

pdf icon Circolare n°244

Circ n°243 - Gestione emergenza Covid-19 Coronavirus – sospensione delle lezioni

Visto il Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020, coordinandolo con le precedenti dell’analogo Decreto del 1° marzo 2020

SI DISPONE

con effetto immediato la sospensione delle lezioni fino a sabato 14 marzo 2020 compreso. Per il personale scolastico valgono le disposizioni del CCNL in caso di sospensione delle lezioni.

pdf icon Circolare n°243

Circ n°241 - Attuazione direttiva n°1 della Funzione Pubblica sulla indicazione al personale scolastico di comportamenti di prevenzione per il contrasto e il contenimento della diffusione del coronavirus

Fermo restando quanto previsto in attuazione del decreto-legge n.6 del 2020 e nei successivi provvedimenti attuativi adottati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri (DPCM del 25/2 e dell’1/3), i dipendenti pubblici e coloro che, a diverso titolo, operano presso l'amministrazione, qualora provengano da una delle aree di cui all'articolo l, comma l , del citato decreto-legge o che abbiano avuto contatto con persone provenienti dalle medesime aree sono tenuti a comunicare tale circostanza all'amministrazione ai sensi dell'articolo 20, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n.81, anche per la conseguente informativa all'Autorità sanitaria competente ai fini della salvaguardia della salute del luogo di lavoro. I dipendenti che dovessero presentare sintomi, anche lievi, che possono essere indicativi di eventuale infezione, quali febbre, tosse, difficoltà respiratoria, stanchezza, dolori muscolari, ad evitare di accedere direttamente alle strutture di Pronto Soccorso del SSN rivolgendosi, invece, telefonicamente al proprio medico curante o al numero nazionale di emergenza 112 o al numero verde 1500 del Ministero della Salute.

pdf icon Circolare n°241

Circ n°238 - Sospensione colloqui settimanali tra docenti e genitori

Per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 01/03/2020 recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19” che ha disposto la sospensione delle lezioni fino al 7 marzo, si comunica che anche i colloqui settimanali tra docenti e genitori sono sospesi fino alla stessa data

pdf icon Circolare n°238

Circ n°237 - Rientro dopo assenze per malattia superiori a 5 giorni

Per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 01/03/2020 recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19” e di quanto disposto dal seguente comma dell’articolo 4 comma 1 lettera c) si sottolinea che (diversamente da quanto disposto dal DPCM del 25/2/2020):

la riammissione nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia infettiva soggetta a notifica obbligatoria ai sensi del D.M. 15 novembre 1990 di durata superiore a cinque giorni avviene, fino alla data del 15 marzo 2020, dietro presentazione di certificato medico, anche in deroga alle disposizioni vigenti;

Tale disposizione è valida sia per gli studenti che per il personale scolastico

pdf icon Circolare n°237

Circ n°236 - Svolgimento uscite didattiche e viaggi di istruzione

Per effetto del Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 01/03/2020 recante “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza-epidemiologica da COVID-19” e di quanto disposto dall’articolo 4 comma 1 lettera b):

b) i viaggi d'istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado sono sospese fino al 15 marzo 2020

le uscite didattiche, le attività didattiche in esterno di qualsiasi tipo (tra cui le attività di P.C.T.O) e i viaggi di istruzione potranno essere effettuate regolarmente, in base alla programmazione esistente, a partire dal 16 marzo 2020

pdf icon Circolare n°236

Circ n°235 - Link utili per raccomandazioni dirette alla prevenzione e al contrasto della diffusione del Covid 19 - Coronavirus

Ai link:

Regione Lombardia:

https://www.regione.lombardia.it/wps/portal/istituzionale/HP/DettaglioRedazionale/servizi-e-informazioni/cittadini/salute-e-prevenzione/prevenzione-e-benessere/coronavirus-decalogo-ministero

Ministero della Salute: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Istituto Superiore di Sanità: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/

è possibile reperire informazioni importanti per fronteggiare le eventuali emergenze dovute alla diffusione del Covid 19 – Coronavirus e soprattutto per adottare idonee misure e azioni, anche e soprattutto individuali, di prevenzione.

In particolare, si ricordano le principali raccomandazioni del Ministero della salute, nel rispetto di quanto previsto dal DPCM 1 marzo 2020 art. 3 comma 1 lettera c):

1. Lavarsi spesso le mani. Mettere a disposizione nei luoghi pubblici soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani

2. Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.

3. Non toccare occhi, naso e bocca con le mani.

4. Coprire bocca e naso se si starnutisce o se si tossisce.

5. Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico.

6. Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool.

7. Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o se si assistono persone malate.

Se si dovessero presentare sintomi, anche lievi, che possano essere indicativi di eventuale infezione, quali febbre, tosse, difficoltà respiratoria, stanchezza, dolori muscolari, di evitare di accedere direttamente alle strutture di Pronto Soccorso del SSN rivolgendosi, invece, telefonicamente al proprio medico curante o al numero nazionale di emergenza 112 o al numero verde 1500 del Ministero della Salute. 

pdf icon Circolare n°235